Crea sito

Terroristi psicologici

Alcuni cattolici di mia conoscenza con l’idea di professare la loro fede e fare proseliti si trasformano forse inconsciamente in “terroristi psicologici” e in testimoni dell’assurdo. Invitano a ravvedersi per non incappare nel giudizio divino e nelle relative pene. Probabilmente su alcuni avranno un certo effetto, appunto terrorizzandoli con il giudizio finale e le pene da pagare. Sulle persone con un minimo senso critico hanno l’effetto di soldatini commedianti e attori dell’assurdo incapaci di capire che recitano così contro la stessa Chiesa. Basta poco per capirlo: se Dio è misericordioso e se ci ha lasciato il libero arbitrio non ha poi senso punire per scelte differenti. Inoltre, se tali soldatini non riescono a salvare e far ravvedere la Chiesa stessa, ovvero i tanti alti e bassi prelati in odore di pedofilia o di magagne economiche non si vede come possano avere un influsso su altri. È proprio il caso di dire che cercano di portare sfiga, facendo come Totò vestito di nero e “malucciaro”, terrorizzando psicologicamente i poveri di spirito per ottenere potere e moneta. Pertanto inviterei costoro ad astenersi da simili azioni lasciando libere le persone proprio come fanno affermare al loro Dio, che da massimo logico agirà di conseguenza. O non lo ritenete logico?